fbpx

La corsa dei mantelli

di Milo De Angelis

Tre personaggi danno vita a La corsa dei mantelli.

Daina, fanciulla guerriera, amante dei giochi, delle gare e delle sfide, severa e selvatica, regina di una banda di ragazzi avventurosi, emblema della giovinezza che non vuole finire. Luca, innamorato di lei e della sua sete folle di audacia e di terre sconosciute, la insegue ovunque e vorrebbe vivere con lei ogni minuto, capire il mistero che la spinge a gettarsi nel pericolo. Sonečka, voce sapienziale, viene da una terra lontana, ma un tempo ha conosciuto anche lei le meraviglie dell’adolescenza e sa che potranno continuare anche nel suo regno, quando scoccherà l’ora fatale.

Milo De Angelis

La corsa dei mantelli è un grande archivio di immagini e di presenze che nutrono anche la poesia di Milo De Angelis: la ragazza guerriera, i campi di calcio, il gesto atletico, tutto un mondo adolescente attraversato dal gusto della sfida e del valore.

L’adattamento teatrale conserva il mondo magico e il linguaggio poetico del testo originale con l’obiettivo di restituirne sul palcoscenico la dimensione archetipica, immersa in un universo onirico che si oppone a quello della realtà.

Si sceglie come tema principale il rapporto dell’adolescenza con la morte, dove morte è metafora del sottile passaggio al mondo adulto, qui raffigurato in una magica terra lontana. L’adolescenza è un tempo sospeso. Qui ogni ragazzo comincia a conoscere e a misurare se stesso, le sue doti e i suoi limiti, a scegliere i suoi fratelli di avventura. È ammessa la morte ma non l’agonia.

Ombre proiettate di figure umane, elementi magici e ambienti, con i quali i personaggi entrano in relazione drammatica e rievocano i molteplici luoghi della scrittura.

All’atmosfera onirica fa da contrappunto l’uso delle materie.

Lo spettacolo è una partitura di immagini, suoni, parole, ritmo e luci, dalla quale emerge una spietata adolescenza onirica. Si gioca con i chiaroscuri della scrittura, eleggendo a protagonista assoluto la poeticità immersa in un universo ancestrale.

Repliche

30 settembre – 12 ottobre 2014
Teatro Out Off, Milano

Milo De Angelis

La corsa dei mantelli

 

Adattamento e regia Sofia Pelczer

Con Viviana Nicodemo, Valentina Mandruzzato, Daniele Pitari

Scene Giulia Olivieri

Costumi Giulia Masci

Assistente alla regia Petra Deidda

Assistente ai costumi Edoardo Russo

Foto di scena Angelo Radaelli

Locandina Andrea Spoto

Coproduzione Teatro OutOff – Teatro Sguardo Oltre

Galleria

 

Video

 

Slideshow

Spettacolo Integrale

Con il contributo di